La Nostra Storia

La Casa di Riposo di Carpenedolo ha origini lontane nel tempo e sotto forme giuridiche e storiche diverse.

 Continua... 

 

BREVE STORIA DELLA CASA DI RIPOSO “S. MARIA DEL CASTELLO” DI CARPENEDOLO

La Casa di Riposo di Carpenedolo ha origini lontane nel tempo e sotto forme giuridiche e storiche diverse.

Il primo fondatore è il Carpenedolese Deodato Laffranchi che dispone per testamento che dopo la sua morte, avvenuta nell’aprile 1635, le entrate dei suoi beni vengano utilizzate per erigere un ospedale per alloggiare ed assistere, in perpetuo, i poveri infermi di Carpenedolo e, se le entrate lo consentono, per allevare i poveri orfani di Carpenedolo.

La casa del fondatore è stata la prima Sede dell’Ospedale che, attraverso diversi interventi edilizi di ampliamento e adattamento, ha raggiunto l’attuale forma architettonica, quale si vede in Piazza Martiri della Libertà (ex Piazza Ospedale). Nel 1853 Suor Maria Crocifissa di Rosa, fondatrice delle “Ancelle della Carità”, su sollecitazione degli Amministratori del tempo, accetta di assegnare alcune Ancelle dopo che gli stessi hanno predisposto un alloggio all’interno dell’Ospedale. Da allora l’opera delle Ancelle è stata sempre presente e costante con un impegno quotidiano per alleviare la sofferenza degli ammalati Ospiti, fino al 2006.

Dopo il fondatore, numerosi sono stati i cittadini di Carpenedolo che nel tempo hanno devoluto parte o tutti i loro beni a beneficio dell’Ospedale consentendo agli Amministratori di migliorare sempre di più sia la struttura che l’assistenza a favore degli Ospiti. L’elenco si trova su due lapidi conservate in magazzino, ma i nomi dei benefattori sono stati trascritti su tavole esposte nel salone d’ingresso.

Naturalmente nel tempo sono cambiate diverse volte le Leggi che hanno regolato l’attività assistenziale, ma quella che fa da pilastro principale è la Legge “Crispi” del 17 luglio 1890, vigente fino allo scorso anno e sostituita da norme nazionali e regionali in aderenza ai nuovi e più moderni criteri di assistenza sociale. L’attuale denominazione deriva dalla fusione di due Enti:

  1. Ente Casa di Riposo di Carpenedolo: ex “Ospedale Civile ed Orfanotrofio”, eretto in Ente Morale con Decreto Reale 01.10.1865, divenuto poi “Ricovero vecchi di Carpenedolo – Infermeria acuti” con Decreto Prefettizio 09.03.1939.
  2. Ricovero S. Maria del Castello di Carpenedolo (che però non è mai stato attivo): Riconosciuto Ente Morale con Decreto Presidente della Repubblica 16.10.1954 ed istituito per merito del lascito “Pozzi Achille” Cascina “Cervo” con circa 110 piò di terreno.

Dalla fusione è sorto il nuovo “Ente Casa di Riposo Santa Maria del Castello” con sede in Carpenedolo, Piazza Martiri della Libertà, cui è stato conferito tutto il patrimonio esistente dei due precedenti. Tale Ente è stato riconosciuto con Decreto del Presidente della Giunta Regionale 29.03.1974 n. 272.

Detta fusione è stata favorita da una Carpenedolese, Sig.na Maria Luisa Scolari, che nel 1974 ha donato l’area su cui sorge la nuova Sede edificata tra il 1976 e il 1982, ed altri beni immobili che, una volta alienati, hanno consentito di finanziare parte della nuova costruzione, attuale Sede della Casa di Riposo.